intestazione
articolo
INCENDIO NELLA SEDE MUSEALE DI AGMEN QUADRATUM

Nella notte tra mercoledì 18 e giovedì 19 gennaio 2012 la sede museale del nostro Comitato Storico “Agmen Quadratum”, ospitato da Ansaloni in San Lazzaro (Bologna) in via Dozza presso il Museo della Libertà, per cause addebitabili ad un corto circuito, si è incendiata.
Il lungo capannone interessato all’evento era diviso in due parti: quello restrostante conteneva mezzi meccanici da restaurare, nell’altra, il cui ingresso guardava la grande piazza, i reperti aeronautici del Comitato.
Di come gran parte del materiale fosse stato alloggiato – sempre in via di miglioramento -, rimane prova nei repertori fotografici presenti nel nostro sito:  a testimonianza della decennale attività del Comitato che ha potuto individuare e riportare alla luce 19 velivoli di diversi modelli e nazionalità, molti dei quali ancora con i resti dei pilota a bordo.
Gli elementi più significativi dei velivoli recuperati, lavati e puliti, accompagnati dalla sequenza fotografica a testimonianza dei ritrovamenti, erano sistemati in appositi supporti, cavalletti, bacheche e mensole.
Notevole anche la ricostruzione del Macchi 205 “Veltro” del sergente maggiore Rolando Garavaldi, dovuto alla pazienza infinita dei fratelli Callini di San Potito di Lugo, divenuto nel tempo quasi un emblema del nostro Museo.
La scrupolosa ricognizione eseguita la mattina seguente al rogo da un nostro membro, ha potuto accertare la potenza del fuoco che ha incenerito, oltre le pareti ed il tetto della struttura, tutto ciò che era sensibile alle fiamme, come il paracadute del Garavaldi, i documenti cartacei, quadri, mobilio, libri ed altro.
Si temeva per il Macchi 205, che però fortunatamente ha resistito alla devastazione, come hanno resistito anche le grandi strutture metalliche aeronautiche, tutte però interessate dalla pioggia di plastica fusa piovuta dal tetto che si è quasi cementata nei reperti.
Il lavoro di pulizia e restauro, e poi quello del riconoscimento dei vari pezzi, impegnerà il nostro Comitato per qualche tempo.
Ringraziamo sin d’ora la benevolenza dei signori Ansaloni che ci hanno assicurato di ricostruire la struttura per ospitare nuovamente la testimonianza del nostro lavoro di indagine e di recupero che prosegue.
     
Il coordinatore responsabile di “Agmen Quadratum”
Gian Carlo Stella